HEINRICH KIPP WERK utilizza cookie per configurare il sito in modo ottimale e migliorarne le prestazioni. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie. Nella nostra Informativa sulla privacy l'utente potrà reperire maggiori informazioni sui cookie. Acconsento
Gruppi merceologici
Condizioni generali di vendita, fornitura e pagamento di Heinrich Kipp Werk KG
Ultimo aggiornamento: 13/02/2013

Informazioni generali - Ambito di validità 

  1. Le nostre condizioni di vendita hanno validità esclusiva; qualsiasi condizione del committente contraria o difforme dalle nostre condizioni di vendita non sarà riconosciuta valida, in quanto richiede la nostra espressa autorizzazione scritta. Le nostre condizioni di vendita si applicano anche qualora effettuiamo la fornitura al committente senza riserve, nella consapevolezza di eventuali condizioni contrarie o difformi dalle nostre condizioni di vendita.
  2. Tutti gli accordi stipulati tra noi e il committente ai fini dell'esecuzione del contratto devono essere in forma scritta.


Offerta – Documenti dell'offerta – Cataloghi

  1. Qualora l'ordine del committente sia qualificabile come offerta ai sensi del § 145 del codice civile tedesco (BGB), possiamo accettare tale ordine entro 4 settimane. Le nostre offerte non sono mai vincolanti.
  2. Per quanto concerne immagini, disegni, calcoli e altri documenti, ci riserviamo tutti i diritti di proprietà e d'autore; essi non possono essere divulgati a parti terze. Per la divulgazione a parti terze, il committente deve richiedere la nostra espressa autorizzazione scritta.
  3. Le descrizioni dei nostri prodotti sono puramente indicative e non rappresentano alcuna garanzia delle caratteristiche del prodotto.
  4. Qualsiasi modifica tecnica dei nostri prodotti, volta ad aumentarne o a conservarne il valore, è ammessa in qualsiasi momento senza preavviso.

 

Prezzi - Condizioni di pagamento - Ritardi 

  1. Se non concordato diversamente, i nostri prezzi s'intendono "franco fabbrica".
  2. L'imballaggio viene fatturato a parte. Siamo obbligati al ritiro dell'imballaggio solo se imposto da normative specifiche e se richiesto dal committente. In questo caso, i costi del ritiro sono conteggiati a parte.
  3. Nelle esecuzioni speciali, per motivi tecnici di produzione, possono verificarsi delle difformità rispetto alla quantità ordinata. Per quanto riguarda la quantità, è ammessa una tolleranza in più o in meno del 10% e pertanto, salvo diversi accordi, le condizioni contrattuali si considerano soddisfatte. In caso di diversi accordi, sarà conteggiata la quantità effettiva fornita.
  4. I nostri prezzi s'intendono IVA esclusa; sarà applicata l'aliquota IVA in vigore il giorno della fatturazione che verrà indicata separatamente.
  5. Se il pagamento viene effettuato entro 10 giorni dalla data di fatturazione, si applica un sconto del 2%.
  6. Il committente è in ritardo se non salda le fatture al massimo entro trenta giorni dal ricevimento o se non provvede al saldo dopo una richiesta di pagamento. Ci riserviamo la facoltà di stabilire il ritardo in un momento precedente, inviando un sollecito di pagamento dopo la data di scadenza. In deroga ai punti 1 e 2, il committente è in ritardo anche se è stato concordato che il prezzo d'acquisto debba essere corrisposto entro una data specifica e il committente non provveda al saldo entro la scadenza stabilita.
  7. Se il committente è in ritardo col pagamento, siamo autorizzati ad applicare un interesse di mora pari al 9% oltre il tasso d'interesse di base. Se siamo in grado di documentare la maggiore entità degli interessi di mora, abbiamo il diritto di applicare un interesse maggiore.
  8. Il committente gode dei diritti di compensazione solo qualora le contropretese siano passate in giudicato, accertate o da noi riconosciute. Inoltre, il committente gode del diritto di ritenzione solo qualora la sua contropretesa faccia riferimento al medesimo rapporto contrattuale.
  9. Per ordini esigui, applichiamo una maggiorazione forfettaria per quantità inferiori al minimo (€ 15,00 per merce di valore inferiore a € 25,00 e € 8,00 per merce di valore inferiore a € 50,00).

 

Tempi di fornitura 

  1. I tempi di consegna da noi indicati presuppongono che siano state chiarite tutte le questioni tecniche. Se non concordati diversamente, i tempi di consegna da noi indicati non sono vincolanti.
  2. In caso di ritardo nella fornitura per motivi a noi imputabili, la responsabilità per il risarcimento dei danni, immediata conseguenza del ritardo, è limitata all'ammontare del danno prevedibile.
  3. Qualora la consegna della merce o la prestazione del servizio non avvenga entro l’ulteriore termine ragionevole fissato dal committente, quest’ultimo è autorizzato a recedere dal contratto. Allo scadere di un lasso di tempo ragionevole, il committente è tenuto, entro un termine di due settimane dalla scadenza, a dichiarare se intende recedere dal contratto o meno.
  4. Inoltre, qualora decidiamo di chiedere il risarcimento dei danni in luogo dell'adempimento della prestazione contrattuale, in caso di normale negligenza, tale risarcimento è limitato al danno prevedibile.
  5. In caso di normale negligenza, non rispondiamo mai per i danni conseguenti a ritardo o inadempienza di una prestazione contrattuale, in particolare in caso di mancato guadagno del committente o costi legati al fermo di produzione.
  6. Il rispetto delle condizioni di fornitura da parte nostra presuppone l'adempimento agli obblighi contrattuali da parte del committente.
  7. Se nonostante l'accurata selezione dei nostri fornitori e la stipula dei contratti a condizioni ragionevoli, i nostri fornitori dovessero ritardare, il nostro termine di consegna sarà prolungato del ritardo causato dalla mancata fornitura da parte dei nostri fornitori. Qualora il fornitore non sia in grado di effettuare la fornitura, abbiamo la facoltà di recedere dal contratto.
  8. In caso di ritardo di accettazione da parte del committente o violazione di altri obblighi di collaborazione, abbiamo la facoltà di pretendere il risarcimento dei danni, comprese le spese supplementari. In questo caso, anche il rischio di caduta o deterioramento accidentale della merce passa al committente nel momento in cui scatta il ritardo di accettazione.

 

Trasferimento di rischio 

  1. Se non concordato diversamente, la fornitura s'intende franco fabbrica. Il rischio passa al committente nel momento in cui l'oggetto della fornitura lascia la fabbrica, anche in caso di forniture parziali o qualora dobbiamo espletare altri servizi, come consegna e montaggio. Qualora sia previsto un ritiro, questo è determinante per il trasferimento del rischio. Il ritiro deve avvenire entro i termini previsti, possibilmente subito dopo la nostra comunicazione di pronta consegna. Il committente non può rifiutare il ritiro in presenza in difetti non rilevanti.
  2. Se il ritiro o la spedizione non vengono effettuate o ritardano in seguito a cause non imputabili a noi, il rischio passa al committente dal giorno della comunicazione di pronto ritiro o pronta spedizione.
  3. Sono ammesse forniture parziali, se cettabili per il committente.

 

Diritti di reclamo per vizi - Prescrizione 

  1. Il committente gode dei propri diritti soltanto qualora abbia assolto debitamente all'obbligo di ispezione e comunicazione del reclamo, ai sensi del § 377 del codice commerciale tedesco (HGB).
  2. In presenza di un difetto della merce imputabile a noi, siamo tenuti, a nostra discrezione, a rimediare al difetto (miglioria) oppure a fornire la stessa merce esente da difetti (fornitura sostitutiva).
  3. Qualora rifiutassimo o non fossimo in grado di espletare gli interventi di miglioria o la fornitura sostitutiva, in particolare se tali interventi richiedono tempi eccessivamente lunghi per motivi non imputabili a noi, oppure in mancanza della rimozione del guasto o della fornitura sostitutiva e se le forniture o i servizi per lo scopo previsto possono essere utilizzati solo in parte, il committente ha il diritto di recedere dal contratto o di pretendere una riduzione adeguata del prezzo di acquisto. Allo scadere di un lasso di tempo ragionevole, il committente è tenuto, entro un termine di due settimane dalla scadenza, a dichiarare se intende recedere dal contratto o meno.
  4. Se non stabilito diversamente, il committente non può sollevare ulteriori pretese, qualunque siano i diritti giuridici. Per questo non rispondiamo per danni non riguardanti l'oggetto della fornitura; in particolare, non rispondiamo per il mancato guadagno o per altri danni materiali subiti dal committente. Qualora sussista l'obbligo di risarcimento per tali danni, questi sono limitati al danno prevedibile.
  5. La limitazione della responsabilità di cui al punto precedente non si applica, qualora esistano norme inderogabili di legge che impongono la responsabilità, in particolare qualora la causa del danno sia intenzionale o imputabile a grave negligenza oppure in caso di richiesta di risarcimento per violazione della vita, del corpo o della salute. Inoltre, la limitazione di responsabilità non vale qualora sia stata garantita una determinata caratteristica e tale caratteristica venga a mancare.
  6. In caso di violazione di un obbligo contrattuale per negligenza da parte nostra, la responsabilità è limitata al danno prevedibile.
  7. La durata della garanzia è di 1 anno, a decorrere dalla consegna della merce. Questo termine è un termine di prescrizione e vale anche per le pretese di risarcimento per danni derivanti da vizi, qualora non vaga rivendicato un risarcimento per atto illecito.

 

Riserva di proprietà 

  1. Ci riserviamo la proprietà dell'oggetto di vendita, fino al completo pagamento secondo gli accordi contrattuali con il committente. Qualsiasi atto che violi le condizioni contrattuali da parte del committente, in particolare il ritardo di pagamento, ci autorizza a far valere i nostri diritti legali nonché a pretendere la restituzione dell'oggetto di vendita. Dopo il ritiro, siamo autorizzati al recupero dell'oggetto di vendita; il guadagno derivante va accreditato al committente, una volta detratti i costi per il recupero.
  2. In caso di pignoramento o altri interventi di parti terze, il committente è tenuto ad informarci tempestivamente per iscritto, per permetterci di promuovere un'azione legale ai sensi del § 771 del codice di procedura civile tedesco (ZPO). Qualora la parte terza non sia in grado di rimborsare le spese giudiziarie e stragiudiziali di tale azione legale, il committente risponde per le eventuali ulteriori spese.
  3. Il committente ha la facoltà di rivendere l'oggetto di acquisto nel corso del normale svolgimento delle sue attività; tuttavia cede a noi, fin d'ora, tutti i crediti derivanti dalla rivendita a terzi o altri acquirenti, per un importo pari a quello della fattura (IVA inclusa), a prescindere dal fatto che l'oggetto venga venduto senza o dopo la trasformazione. Il committente gode di questo diritto anche dopo la cessione. Resta valido il nostro diritto di incassare il credito. Tuttavia, ci impegniamo a non incassare il credito, fintantoché il committente adempia ai propri obblighi di pagamento, derivanti dai proventi incassati, sia in regola con i pagamenti e non sia stata presentata alcuna instanza di apertura di un procedimento d'insolvenza o di fallimento. In caso contrario, possiamo pretendere che il committente notifichi i crediti ceduti e i nomi dei debitori, fornisca tutte le informazioni necessarie ai fini dell’incasso e consegni i documenti a ciò connessi.
  4. La trasformazione o combinazione dell'oggetto di acquisto da parte del committente viene sempre effettuata per noi. In caso di trasformazione o combinazione con merci di terzi, noi acquisiamo la comproprietà in misura proporzionale al valore oggettivo di tale merce al momento della trasformazione. La riserva di proprietà comprende anche i prodotti generati dalla trasformazione o combinazione della merce.
  5. Ci impegniamo ad escludere le garanzie spettanti a noi su richiesta del committente, qualora il valore delle nostre garanzie superi del 20% il valore nominale dei crediti da garantire; la decisione in merito alle garanzie da escludere spetta a noi.

 

Resttituzione della merce 

  1. Normalmente, la merce ceduta e fornita secondo le regole non può essere restituita. Possono essere concordate delle eccezioni in casi particolari. 

 

Foro competente e luogo dell'adempimento 

  1. Foro competente è Rottweil, purché il committente sia un'azienda. È nostra facoltà adire le vie legali contro il committente anche presso il foro del luogo di residenza.
  2. Se non concordato diversamente, il luogo dell'adempimento è Sulz-Holzhausen.
  3. Per il presente contratto si applicano esclusivamente le leggi della Repubblica Federale di Germania.
Ricerca
MyACCOUNTE-mailPassword
Carrello
Quantità articoli: 0
Somma: 0,00 
Visualizzare
Ordine rapido
Disponibilità
Qui è possibile verificare se l'articolo è disponibile.
Italia
Mappa del sito Stampare Newsletter Top
Copyright © 2018 HEINRICH KIPP WERK KG · Tutti i diritti riservati. Tel. +49 (0) 74 54 / 793-0 · Fax +49 (0) 74 54 / 793-33